Monaco di Baviera - Ratisbona - Ingolstadt - Ulma - 1400 km on the road - Agosto 2010

Dopo l'ottima impressione dell'anno precedente con altri compagni di viaggio organizziamo la seconda spedizione in Baviera.

 

Solita notte "on the road", questa volta è Marco a fare il giro completo al volante, tutto liscio e arrivo in perfetto orario per un rapido ripasso di MONACO DI BAVIERA..

 

Giretto veloce e ancora on the road alla volta di RATISBONA, bella cittadina sorta lungo il Danubio al confine con la Rep.Ceca, la sera ceniamo con PIZZA Tedesca e birra ghiacciata:)

 

Passiamo dal Walhalla, che ci salta all'occhio vedendo le solite pubblicità INFO nella Hall dell'albergo..

Vera e propria riproduzione del Partenone di Atene, e posto decisamente inconsueto per essere al confine della Boemia, ecco perchè acquista di fascino..

 

WALHALLA significa"sala dei morti in battaglia"..Battaglia che in questo caso è la vita..

Ecco perchè ci sono i ricordi di Einstein, Bach, Mozart, Beethoven, Martin Lutero..

 

..dopo un pò di cultura..altra cultura: AUDI CENTRUM - Ingolstadt - consigliatissimo - 

 

Fino alla scoperta della Bellissima ULMA, città natale di Einstein e della leggenda del passero:

 

"Molte centinaia di anni fa, Ulma era circondata da larghe mura per proteggere la città dagli invasori. Per la costruzione della loro Cattedrale, gli abitanti di Ulma volevano portare in città legname che avevano caricato di traverso al carro, il che causò problemi, essendo la porta della città stretta. Gli abitanti di Ulma erano già arrivati alla conclusione di demolire la porta per consentire il passaggio del carro, quando videro un passero che svolazzava lì intorno e che trasportava nel beccuccio, un lungo fuscello di paglia per costruire il nido. Appena lo introdusse per lungo in una nicchia della torre campanaria, gli abitanti di Ulm furono colpiti da un lampo di genio. Essi posero le travi per lungo sul carro e si risparmiarono in tal modo la demolizione della porta. Come ringraziamento, avrebbero posto sopra il tetto della Cattedrale un monumento al passero."

 

GRAZIE a Voi ragazzi, insostituibili compagni di viaggio.